Please, place your quick order here!
SKU Quantità Article Name Prezzo Totale  
Rimuovi

Da ferramenta amburghese a maggiore fornitore di accessori e attrezzature da yacht

Difficilmente un altro fornitore in Germania può contare su una storia e un’esperienza lunga quasi 270 anni. Quella che nacque nel 1745 come una ferramenta a Rödingsmarkt, è oggi uno dei più noti fornitori per le attrezzature per sport acquatici nell’area germanofona con 13 punti vendita in Germania, Austria e Svizzera e circa 150 dipendenti.
A fondare l’azienda fu Johann Daniel Wuppermann, che con la sua ferramenta ha rifornito artigiani, carpentieri navali, velai e ha portato avanti una fucina alle porte della città. Originario della zona del Wuppertal, si è poi insediato nella città anseatica. Ai tempi delle flotte delle navi merci a vela, che trasbordavano le merci nella città anseatica e le ripartivano utilizzando zattere sui canali, l’azienda crebbe. Nel 1779 il genero di Wuppermann divenen socio dell’azienda, che venne quindi chiamata Wuppermann & Schmilinsky.

 

Come è arrivata la A.W. Niemeyer ad avere questo nome

Per molte generazioni l'azienda di famiglia ha continuato ad avere successo, fino alla prima metà del XIX secolo. Per secoli l'industrializzazione insorgente rese necessaria una concentrazione dell'azienda sulle consegne agli arsenali. Ed è in questo periodo che AWN, in seguito a un passaggio di proprietà, ha preso il nome attuale: Nel 1862 il commerciante amburghese Wilhelm Niemeyer Amandus ha preso le redini dell’azienda e l’ha battezzata con il nome, oggi forse un tantino ingombrante, di: „A.W. Niemeyer, Wuppermann & Schmilinsky Nachfolger“ (Nachfolger: successori). Durante il boom della città anseatica, che tra il 1870 e il 1895 ha raddoppiato la sua popolazione grazie all'afflusso di lavoratori industriali raggiungendo i 650.000 abitanti, AWN si è focalizzata principalmente sulla fornitura nel porto di Amburgo di attrezzature e di accessori per velieri e, successivamente, per navi a vapore. L'azienda fornitore rapidamente più importante a livello internazionale della città di Amburgo. Per venire incontro al crescente volume di affari, tra il 1908 e il 1910 è nata la nuova centrale aziendale in un edificio a nove piani a Rödingsmarkt, a quel tempo un gioiello architettonico.

 

 

Dalla caduta alla rinascita: gli anni della guerra

Solo pochi anni dopo la prima guerra mondiale e a seguire una pesante crisi economica mondiale diedero una notevole battuta d’arresto a questa storia di successi commerciali. Ciò nonostante, subito dopo la guerra l’azienda è tornata sulla sua strada verso il successo. Gli amburghesi riuscirono ad aggiudicarsi nuovi ordini per grandi navi del tempo, tra cui yacht di lusso glamour, come il 'Savarona', grandi piroscafi, come prestigioso "Cap Arcona", baleniere e molte altre. Fino a quando l'inizio della seconda guerra mondiale porta a una nuova svolta. Alla fine della guerra, nel 1945, gran parte della città di Amburgo è in macerie, così anche Rödingsmarkt e gli edifici di A.W. Niemeyer. Ancora una volta l'azienda rinasce dalle sue rovine. La sede distrutta viene ricostruita, grazie al miracolo economico AWN torna sulla strada verso il successo. Niemeyer diventa fornitore delle flotte navali in costante crescita che trasportano le merci, prodotto dell’economia mondiale in rapida crescita, tra queste le prime grandi petroliere. Allo stesso tempo si crea un mercato completamente nuovo: il business delle barche e degli yacht privati prende piede in Germania. Nel 1960 Gert Niemeyer, nipote del fondatore Amandus Wilhelm, riconosce il potenziale di questo mercato e focalizza la produzione dell’azienda su questo dinamico target group. Così il nome è AWN, grazie all’incredibile qualità dei suoi prodotti, diventa sinonimo di accessori per yacht e imbarcazione e di sicurezza marina tra gli skipper per hobby.


 

Gli anni del boom: dagli sport d’acqua è al mercato di massa

Nei decenni a seguire questo corso viene costantemente modificato attraverso diverse acquisizioni: Nel 1970 è stata rilevata HSB, specialista in attrezzature e guarnizioni, e poco tempo dopo la Bösch, specializzata nella costruzione di macchinari. Adesso le attrezzature e gli accessori non vengono più solo venduti ma anche prodotti.
Nel 1973 c’è un nuovo passaggio di proprietà: L'imprenditore di Amburgo Peter Flammang acquisisce AWN, dopo che l'ex proprietario ha voluto ritirarsi per motivi di età. Flammang, che proviene dal mondo imprenditoriale internazionale della costruzione e riparazione navale, riconosce il potenziale della giovanissima industria degli sport d’acqua e porta sul mercato il primo catalogo di corrispondenza di Niemeyer, con il titolo semplice ma geniale "Il fornitore".
Oltre ai lavori di sartiame l’azienda, già allora, offriva servizi tecnici nell’ambito delle imbarcazioni, l’attrezzatura di coperta o il servizio fuoribordo. Negli anni successivi, il catalogo con circa 14.000 articoli diventa il testo di consultazione di riferimento non ufficiale per i tantissimi appassionati di sport d’acqua in Germania. La frase "se non c’è da Niemeyer, allora non esiste", risuona dai pontili fino agli accampamenti invernali. Il lavoro è diventato una guida competente per velisti e motonauti, visto che ricopre praticamente l’intero assortimento per gli sport acquatici. Negli anni che seguirono l’espansione continuò conseguentemente: nel 1998 viene aperta la prima filiale a Kiel, dopo che l tradizionale azienda locale Robert G. Ernst è stata rilevata. Nel 1990 avvenne il primo passo verso la Germania Est con l’acquisizione a Berlino, dopo la caduta del muro, della “Hauses für Wassersport Neptun”.


Nel 1992 a Holstenkamp (Amburgo) venne aperto un nuovo centro logistico, in grado effettuare 2000 spedizioni al giorno a clienti in tutta Europa. Nel 1999 avvenne un cambio degli spazi aziendali: Dopo oltre 250 anni a Rödingsmarkt A.W. Niemeyer deve trasferirsi per problemi di spazio, Peter Flammang fa costruire la nuova sede a Bahrenfeld, dove la società si trova ancora oggi. Nel 2001 si apre, su una superficie di più di 2500 metri quadrati, il “Flagship-Store” che dovrebbe far fronte alle nuove esigenze della clientela moderna.  Allo stesso tempo, una massiccia espansione della rete di filiali permette di raggiungere i clienti in tutto il paese. I servizi dedicati alle imbarcazioni vengono ampliati significativamente: Oltre al lavoro AWN offre anche la riparazione di vele, la manutenzione di giubbotti salvagente e di zattere di salvataggio, una Skipper Accademy con corsi per patente e corsi di aggiornamento. Con il trasferimento c’è un nuovo passaggio di testimone per la guida dell’azienda: Peter Flammang vende AWN a Christoph Kroschke, proprietario del gruppo  HYPERLINK "https://www.kroschke.de/" \l "_blank" Kroschke-Gruppedi Ahrensburg. Allo stesso tempo passa le redini dell’azienda come Amministratore delegato a Michael Ortmüller, commerciante, che diventa socio di minoranza. Ad attenderlo grandi sfide, in quanto il mercato era diventato più difficile a causa della concorrenza, emergente e competitiva, e della fine del boom degli sport d’acqua. Dopo un risanamento e successivo ampliamento degli affari internet AWN, dopo un pausa per trovare di nuovo la sua strada, ritorna sui suoi passi. E di  nuovo c’è una fase di crescita: In rapida successione vengono aperte nuove filiali sull’intero territorio tedesco e grazie agli uffici in Austria e in Svizzera il marchio fa i suoi primi passi su suolo estero. AWN diventa il leader indiscusso tra i costruttori di yacht e barche.

 

Sulle acque internazionali

Il capitolo finale della lunga storia di AWN è iniziato nel 2013. Dopo il ritiro, dovuto all’età, di Michael Ortmüller Christian Hofmann (a destra) nel settembre del 2013 prende il timone come socio amministratore delegato dell’azienda. E ancora una volta il cambiamento al vertice inaugurerà una nuova era: occorre promuovere un'ulteriore internazionalizzazione dell'azienda. Un primo passo per questa strategia sarà lo sviluppo di un nuovo campo di attività: AWN va con una propria divisione nel settore Charter.
Per raggiungere questo obiettivo nel 2014 si insedia un secondo amministratore delegato, Marc Rosendahl (a sinistra), della società tedesca  HYPERLINK "http://www.suncharter.de/" Charterfirma Sun Charter. La doppia leadership aiuterà AWN, negli anni a seguire, ad imporsi nel settore a livello internazionale.